UN CONCERTO DI SAPORI

Al ristorante “I Salotti” del Patriarca è possibile assaporare una sintesi sublime tra la gastronomia e la cultura del territorio toscano, reinterpretati in chiave moderna e creativa con un’accurata ricerca di nuovi sapori.
Ogni piatto, scrupolosamente creato dalla Chef Katia Maccari e dal suo giovane staff, è in grado di trasformare qualsiasi tipo di evento in un’esperienza culinaria emozionante e unica.
Il servizio è esclusivo e raffinato; l’ambiente elegante e riservato è adatto per serate romantiche ed occasioni speciali. Nel periodo estivo, gli spazi esterni come il gazebo del giardino, sono perfetti per una cena a lume di candela in totale armonia con la natura. Il ristorante propone due menu degustazione ed è sempre possibile personalizzare l’esperienza gastronomica con variazioni a base di pesce di mare.

Il ristorante “I Salotti” è insignito del prestigio di UNA Stella nella Guida Michelin Italia 2016 (14 anni consecutivi dal 2003). La cantina storica messa a disposizione degli appassionati e degli amanti del buon bere è un autentico scrigno ricco di tesori. Nel corso degli anni la collezione si è arricchita e ad oggi può vantare oltre 3.000 etichette, molte delle quali di elevatissimo pregio. La carta dei vini continua ogni anno a rinnovarsi e a crescere per accompagnarvi in un viaggio senza fine nel modo del vino italiano ed internazionale.

TOSCANA


TERRA DEL BUON MANGIARE E BERE

PASQUA STELLATA

Menù Festivo per tutti i clienti dell’Hotel ma anche per chi prenota dall’esterno. Portate studiate a tema con abbinamento di vini – I Salotti del Patriarca 16 aprile, menù valido a pranzo e cena


LA PRIMAVERA A TAVOLA

Venerdì 24 marzo “I Salotti” del Patriarca – Limited Edition Menù a 4 mani con la Chef padrona di casa Katia Maccari e il famoso Chef Vincenzo Guarino, noto nelle cucine del ristorante dal 2009.


Menu di San Valentino “LEI E LUI IN CUCINA”

Cena a lume di candela, 14 febbraio presso il Ristorante I SALOTTI del Patriarca — Menù a 4 mani della Chef padrona di casa Katia Maccari e lo chef Davide Canella